Significazione critica dell’opera “Abbraccio” di Liliana Lucia Consoli

Il bronzo della Consoli è amore, tensione ontologica, essenzialità e universalità dell’espressione, che presentifica il senso dell’umano nell’emozione. Il corpo agente e senziente dell’artista cerca la sensibilità originaria del cogito tacito, una primaria merleau-pontyana coappartenenza d’io e d’altro, mediata dall’intreccio fusionale del corpo, dal chiasmo d’ascolto del senziente al sentito. La forma estetica non è staticità, la sua bellezza è nel movimento fluido, che tende ad un compimento, al superamento di sé nell’altro, nella continuità essente della materia. La materia fra le mani dell’artista è madre della forma, gesta il corpo della figura dall’abbraccio del contenimento e dalla carezza levigante e madida delle emozioni grembali.

Presidente Fondatrice,
Prof.ssa Fulvia Minetti