3-Lizi_Budagashvili_Zenith2Significazione critica dell’opera “Zenith” di Lizi Budagashvili

L’opera della Budagashvili è visione istantanea del mezzogiorno, in qualità di ricongiungimento di segno e significato: lo zenith è la sommità dell’emisfero celeste, l’araba “via al vertice del capo”. È il momento in cui le ombre scompaiono e si ricuce ogni doppio nel massimo istante del sapere ed il sole è il greco epìskopos, il guardiano che osserva dall’alto, per la conoscenza. Tuttavia la casa dell’io è così abitata dall’ombra: in ogni umana parola resta un nucleo notturno inconscio, che spingerà a ridipingere il soggetto ad una nuova luce cosciente del dire, per il transito della significazione. È vita ove la coscienza della parola ripeta ritualmente la visione della morte, per il suo affrancamento.

Presidente Fondatrice,
Prof.ssa Fulvia Minetti