4-Riccardo_Capparella_Il_saSignificazione critica dell’opera “Il salto” di Riccardo Capparella

I profondi inchiostri del Capparella, se ingoiano e impregnano l’essere disperso, insieme ne assurgono una dimensione lineare. Il viaggio dell’artista è il descensus ad inferos in autoascolto avviluppato e viso a viso con il magma del vissuto inconscio, dinanzi al quale l’eroe, con coraggio, rischia la pietrificazione del complesso di Medusa, nella follia. Ma è proprio dall’ineffabile emotivo che nasce il filo del dire, la parola che ci staglia in relazione al mondo delle cose. In metamorfosi il frammento del tempo, il non senso a squame di rettile del “tu devi” nietzscheano, si reintegra nell’identità fanciulla, nascente, che trova la sua volontà e continuità temporale nella creazione di un mondo, che sia vero, perché suo.

Presidente Fondatrice,
Prof.ssa Fulvia Minetti