34-karin-monschauer-faltpapierCritica in semiotica estetica dell’Opera “Faltpapier” di Karin Monschauer

Le multicromatiche scie pittoriche della Monschauer sono un dono inesauribile di apertura di nuove visioni emotive. L’arte non ‘spiega’: letteralmente non toglie le pieghe dell’esistere, tuttavia, è il movimento che lancia la polisemica inarrestabilità dello sguardo, per una sempre nuova e meravigliante presentazione. La ricchezza plurale della verità è nella magia della cauda pavonis: gli arcobaleni della ruota iridata che raccoglie infiniti i viaggi delle prospettive della conoscenza.

Presidente Fondatrice,
Prof.ssa Fulvia Minetti