Closciarre (er barbone)

Sempre sdraiato in fonno a ‘sto vialetto
sembro er padrone de Villa Borghese.
Catalogato come senzatetto
nun pago la piggione a fine mese.

Ciò tutto qui… l’armadio è ‘na panchina
cor necessario drento ‘na saccoccia,
cor sole che me scalla la matina
mentre la sera… me scalla la boccia

Quanno spalanco l’occhi sur futuro
ce vedo solo affanni e prepotenza
me vie’ la voja de scrivelo sur muro
“Viva la pace… abbasso la violenza”.

Me sento er principino der reame,
ho rinunciato puro a legge’ l’ora
magnanno solo quanno che ciò fame
‘na coerenza e un core che m’onora.

Così un ber giorno me ne so’ ito via
scrivennole du’ righe a matita
e come ‘na barca che lascia la scia
ho chiuso er cancello grosso de la vita:

VE LASCIO TUTTO QUELLO CH’È DE TUTTI
COSÌ, VOI, NUN DOVETE LITIGA’.
L’ARBERO DER BENE CHE DA’ I FRUTTI
A CHI È CAPACE E LO SA CORTIVA’.

‘NA TRAPUNTINA AZURA CO’ LE STELLE
DA RIMBOCCAVVE SULLE CIANCHE ROTTE.
‘NA LUNA DE LATTE E QUATTRO CIAMBELLE
DA ‘NTIGNE NER BICCHIERE DELLA NOTTE.

VE LASCIO LA PUREZZA DE LE CRATURE
CO’ L’OCCHI AFFAMATI DE CURIOSITÀ
CHE SENZA PELI E SENZA SFUMATURE
CE ‘NZEGNENO ER MESTIERE DE CAMPA’.

L’UNICO CONTO CHE HO SEMPRE SARDATO
È QUELLO SALATO DELLA LIBBERTÀ
CHE PAGO A RATE DA QUANNO CHE SO’ NATO
E CHE VE LASCIO COME EREDITÀ!

Sabrina Balbinetti


Significazione critica della poesia “Closciarre (er barbone)” di Sabrina Balbinetti

La parola vernacolare romana della Balbinetti appoggia lenta gli accenti marcati a posare, con la quotidianità naturale del passo carico, al ritmo della gravità della terra, i frutti maturi dei soli valori essenziali dell’essere, salvati alla fugacità del divenire, spogliati degli orpelli dell’apparenza e della proprietà. Permanenza al di là di ogni accessorio dell’avere, di ogni convenzione e ostilità per la forma in figura del ruolo e oltre il tempo, l’essere è alla poetessa emozione, verità, relazione e libertà.

Presidente Fondatrice,
Prof.ssa Fulvia Minetti