Premio Arte 2022

Arte 2022 – Marlène Hue, Fenêtre sur cour

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Fenêtre sur cour” di Marlène Hue La finestra sul cortile della Hue si rivela in tutta la sua qualità di dimensione franca, transizionale e proiettiva, di luogo non luogo fra sé e non sé: sulla tavola supportante in legno l’artista incolla gli inchiostri delle proiezioni psichiche dell’inconscio. Il busto diviene il contenitore oggettivo e cosciente, a raccogliere i contenuti emotivi della liquidità amorfa e [...]

Di |2022-09-08T16:33:52+02:008 Settembre 2022|Premio Arte 2022|

Arte 2022 – Maria Luisa Bertoni, Soffio vitale

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Soffio vitale” di Maria Luisa Bertoni Il rubro movimento della Bertoni è la realizzazione dell’abbraccio consustanziale dell’uomo alla materia del mondo, tanto profondo da raggiungere il soffio vitale di una comune origine universale. Il respiro dell’anima del mondo supera le definizioni identitarie e i confini materiali, per l’oltre unitario. Al fiorente respiro d’espansione del microcosmo al macrocosmo è il tempo circolare della reintegrazione di [...]

Di |2022-09-08T16:30:22+02:008 Settembre 2022|Premio Arte 2022|

Arte 2022 – Maria Giacoma Vancheri, Oltre il bosco

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Oltre il bosco” di Maria Giacoma Vancheri Il prato rosso sacrificale della Vancheri è il sostrato rituale, che reintegra il dolore alla terra nera, allo smembramento del caos originario della materia inconscia, che viene chiamata alla trasmutazione alchemica, dalla morte alla rigenerazione. Tramonta la vecchia coscienza, che solve all’indifferenziazione e alle betulle è l’asse d’elevazione, che letteralmente dalla nerezza del bitume della terra conduce [...]

Di |2022-09-08T16:26:47+02:008 Settembre 2022|Premio Arte 2022|

Arte 2022 – Maria Cristina Fasulo, Time…

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Time...” di Maria Cristina Fasulo La puntasecca della Fasulo avvolge l’occasione di maternità, a trovare il kairos, la curvatura circolare di senso del tempo fuggente del divenire di chronos, che apre all’intuizione dell’eterno ritorno, dell’individuazione all’essere. Il luogo uroborico del grembo rinnova eternamente la vita, oltre la morte: la filiazione è significazione, la nascita di una nuova forma di verità, che sposa la necessità [...]

Di |2022-09-08T16:23:35+02:008 Settembre 2022|Premio Arte 2022|

Arte 2022 – Manuela Scannavini, nido#1

Critica in semiotica estetica dell’Opera “nido#1” di Manuela Scannavini L’accoglienza intima della carta della Scannavini è luogo di ricetto archetipico, nella sinestesia, che riavvolge e profonda a memorie psicoemotive collettive inconsce. È un’ontogenesi che ricapitola una filogenesi, a contenere le immagini originarie e metaindividuali dell’evoluzione del vivere, rinascenti in ogni individuo. Il nido è soglia epidermica e grembale dell’evento di vita, che libera da ogni sovrastruttura segnica, da ogni [...]

Di |2022-09-08T16:20:07+02:008 Settembre 2022|Premio Arte 2022|

Arte 2022 – Loriana Valentini, Essenzialmente luce

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Essenzialmente luce” di Loriana Valentini Il movimento pittorico della Valentini è viaggio di vita, di emozione tonica, di gestazione aperta della forma di coscienza e di conoscenza. L’iter umano di ricerca di sé è illuminato alla sola luce essenziale di un legame di connessione, di rispondenza all’altro: l’essenza dell’uomo è alla relazione. La continuità essente si realizza nella generatività diretta della filiazione e in [...]

Di |2022-09-08T16:16:24+02:008 Settembre 2022|Premio Arte 2022|

Arte 2022 – Lorenzo Pompeo Lombardo, Trame scomposte

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Trame scomposte” di Lorenzo Pompeo Lombardo Il flusso pittorico del Lombardo è la sorprendente sinestesia di un ascolto archetipico profondo, fino a scomporre le trame, fino letteralmente a passare al di là dell’indistinzione, a cogliere il luogo atomico originario, ulteriormente inscindibile, delle scie e delle pressioni vibrazionali sulla pelle: fino a rubare le carezze iridate dei suoni. La memoria inconscia del vissuto prenatale nel [...]

Di |2022-09-08T16:08:27+02:008 Settembre 2022|Premio Arte 2022|

Arte 2022 – Josine Dupont, Argentario

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Argentario” di Josine Dupont La prospettiva della Dupont si sospinge, coraggiosa, dal sottile promontorio di terra che aggetta verso il mare, è la meraviglia tesa ad una transizione spaziale, ad un cammino d’iniziazione, che liberi dalle vecchie certezze in errore dell’uomo. È il movimento che innatura ai quattro elementi, al passaggio rituale, partecipante l’ineffabile bellezza, in un superamento di sintesi misterica dell’ombra alla luce, [...]

Di |2022-09-08T16:05:02+02:008 Settembre 2022|Premio Arte 2022|

Arte 2022 – Johan Schwarzkächel (Mark Pol), Explosion of the Universe 2

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Explosion of the Universe 2” di Johan Schwarzkächel (Mark Pol) Lo sviluppo della traccia grafica di Schwarzkächel in Arte Mark Pol ripercorre metaforicamente le fasi cosmiche dell’aggregazione dell’energia in materia e l’evoluzione ontogenetica, ove il linguaggio motorio e grafico sono paralleli e contemporanei. In principio è il caos di una totalità indistinta, l’accentramento è la concentrazione dell’energia in un punto, il big bang allora [...]

Di |2022-09-08T16:01:13+02:008 Settembre 2022|Premio Arte 2022|

Arte 2022 – Isabella Angelini, Ciò che ci unisce e ciò che incatena

Critica in semiotica estetica dell’Opera “Ciò che ci unisce e ciò che incatena” di Isabella Angelini Il viaggio onirico della Angelini sospinge l’ontogenesi nel valore di una ricapitolazione filogenetica e di un legame armonico di cosmogenesi. L’artista chiama la specie umana a liberarsi dal tempo lineare e ad aprirsi ad uno stadio di conoscenza superiore, che comprenda e che accolga le immagini originarie e metaindividuali nella rinascita in ogni [...]

Di |2022-09-08T15:57:16+02:008 Settembre 2022|Premio Arte 2022|
Torna in cima